Ricetta orecchiette ai broccoletti e colatura di alici

Ricetta orecchiette ai broccoletti e colatura di alici: Oggi vi propongo un piatto con i broccoletti, una verdura di stagione saporita e ricca di vitamine che ben si sposa con il sapore delle alici. E’ una rivisitazione di un piatto pugliese molto conosciuto: le orecchiette alle cime di rapa.

Ingredienti e dosi per 4 persone:

  • 350 g di orecchiette,
  • 750 g circa di broccoletti (già mondati),
  • 1 spicchio d’aglio,
  • peperoncino,
  • olio extravergine di oliva,
  • colatura di alici
  • sale qb

Procedimento: 
Fai rosolare in padella lo spicchio d’aglio intero, aggiungi 2 cucchiai di colatura di alici, un po’ di peperoncino e spegni il fuoco. Nel frattempo avrai mondato il broccoletto, ricavando dei piccoli pezzi e messo l’acqua della pasta sul fuoco.
Per questa preparazione ho utilizzato la colatura di alici per regalare il sapore ma anche il profumo delle alici al piatto. La colatura di alici infatti è un liquido color ambra che si ottiene lasciando maturare le alici sotto sale. E’ prodotto da un’azienda locale siciliana, Campisi, che ha base a Marzamemi, un piccolo borgo sul mare dove da decenni lavorano il pescato del Mediterraneo (consiglio vivamente di leggere questo articolo inerente Campisi Conserve ).

Torniamo adesso alla ricetta.
Non appena l’acqua bolle, salala e butta la pasta. A metà cottura butta in acqua anche i broccoletti ridotti in piccoli pezzi e fai cuocere per qualche altro minuto, avendo cura di scolare il tutto 2 minuti prima del tempo previsto per la cottura della pasta.

Scola la pasta, avendo cura di tenere da parte un po’ del liquido di cottura e versa il tutto nella padella con l’olio, l’aglio e la colatura di alici. Manteca, aggiungendo un po’ del liquido di cottura che hai messo da parte. Togli lo spicchio d’aglio e servi.
Se vuoi rendere la ricetta un po’ più sicula, realizzala con la variante tipica siciliana del pan grattato tostato   in padella con un po’ di olio evo e cospargilo sopra il piatto prima di servirlo.

Articoli precedenti

Fagone: la cipolla di Giarratana

Prossimo articolo

La pasta Vallolmo