Ricetta Pasta alla Norma

Prima che l’estate ci abbandoni del tutto, abbiamo deciso di parlare di un classico culinario intramontabile dell’estate italiana (e siciliana..): la pasta alla norma. Un primo dai sapori semplici, eppure molto amata da grandi e piccini. Bastano una passata di pomodoro, melanzane e basilico. Solo una piccola parentesi su questa verdura di stagione utilizzata in Sicilia per tantissimi piatti:  come da consuetudine prima della cottura, per eliminare il sapore amaro del frutto, si procede al lavaggio della melanzana (che vedrete spiegato nella ricetta) per attutirne l’intensità. Ma quello che è bene sapere è che l’amaro deriva da una sostanza  tossica per l’organismo, che si trova nella parte verde e che si riduce con la cottura. Per questo la melanzana va consumata cotta e non cruda, ricordatelo.
E adesso siamo pronti per friggerla 🙂

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

  • 350 g di spaghetti di grano duro siciliano
  • 400 g circa di salsa di pomodoro. Se non la fai a casa, io ti consiglio la salsa di pomodoro siccagno, senza aggiunta di altri ingredienti
  • olio evo qb
  • 1 cipolla rossa
  • qualche foglia di basilico
  • 2 melanzane tunisine
  • abbondante olio per friggere (io uso olio di oliva ma se si gradisce una frittura più leggera usate olio di semi)
  • ricotta salata da grattuggiare qb

PROCEDIMENTO

Fai soffriggere in olio extravergine di oliva la cipolla tritata, appena appassita aggiungi la salsa di pomodoro siccagno, un pizzico di sale e, se ti piace un sugo dolce (come piace a me) una cucchiaiata di zucchero e infine qualche foglia di basilico. Mescola il tutto e assaggia per vedere se è di tuo gusto. In caso contrario regola di sale o zucchero o olio a tuo piacimento. Fai cuocere a fuoco lento, senza coperchio, metti sulla pentola una retina per evitare schizzi (come quelle antischizzo per l’olio di frittura). Il sugo non va semplicemente riscaldato ma cotto finchè non assume una consistenza densa.

Pela e taglia a dadini le melanzane (chi preferisce può anche non togliere la buccia) e riponile in un colapasta, salale e poni sopra un peso (ad es. un coperchio pesante) per favorire l’eliminazione dei liquidi responsabili del loro sapore amaro. Lasciare scolare un’oretta. Sciacqua e asciuga per bene le melanzane e procedi con la frittura.

Nel frattempo avrai cotto la pasta ben al dente che provvederai a condire col sugo di pomodoro, le melanzane fritte ed una fogliolina fresca di basilico. Alla fine grattugia su ogni piatto una spolverata di ricotta salata.

Buon appetito!

Articoli precedenti

Olio extravergine di oliva. Eccellenza a tavola

Prossimo articolo

Il pomodoro Siccagno