Regalare cesti natalizi con prodotti alimentari: non solo una scelta di tempo, ma di cultura

Ed eccoci qua, come di consueto sembra che il tempo passi in un lampo ed è subito Natale. La sua atmosfera è bellissima, ma diciamoci la verità spesso le feste mettono a dura prova il nostri nervi e certe volte anche il portafogli. Vogliamo onorare i nostri affetti con regali pensati apposta per il nostro destinatario o semplicemente ringraziare qualcuno, come un nostro cliente o fornitore, ma sembra che tutto remi contro noi. Per fortuna oggi grazie ad internet è più facile gestire le scadenze e trovare esattamente quello che cerchiamo in un click. Questo però non toglie nulla all’autenticità della ricerca, ovvero al fatto che sinceramente stiamo cercando il regalo giusto per quella persona, ma ci sostiene in termini di tempo e anche di risparmio. E oggi con questo articolo vogliamo proprio sostenere che a discapito dello stato di urgenza nel quale cadiamo durante il periodo natalizio, regalare un cesto di Natale con prodotti alimentari, purché siano tipici o particolari, è una scelta bella, fatta con consapevolezza e amore.

PERCHÉ REGALARE UN CESTO NATALIZIO?

Innanzitutto si tratta chiaramente di un regalo sempre apprezzato e utilizzato. Il segreto è però quello di includere prodotti di nicchia o caratteristici. Questo perché la logica a Natale è sempre quella del regalare qualcosa che piace, ma diversa e non scontata. Per intenderci  qualcosa di non facilmente reperibile al supermercato sotto casa!
Sai per esempio che tua suocera è un’appassionata, nonché un’intenditrice di miele? Bene, quale migliore occasione per addolcirla un po’, che regalarle esattamente quello che le piace, scegliendo un regalo ricercato, che fra l’altro evidenzia quanto la conosci bene.
Tantissime persone per esempio ci contattano dall’estero, chiedendoci proprio prodotti che hanno assaggiato in Sicilia, perché vogliono risentire quei sapori e farli assaggiare ai loro amici. Soprattutto per chi vive all’estero, un prodotto tipico, contiene un mondo di ricordi ed emozioni, che sicuramente non lascerà il nostro interlocutore indifferente.
Ma l’idea di regalare prodotti alimentari per noi di Tastando porta con sé anche un valore importante. Il Natale stesso è l’occasione perfetta per gustare insieme e quindi condividere sapori, sensazioni ed emozioni. E il cibo, che vi piaccia o no, è da sempre il veicolo della convivialità. Riunirsi intorno a un tavolo è infatti l’occasione migliore per passare del tempo insieme e in un certo senso quasi la scusa da cui parte un invito a trascorrere del tempo insieme.

I MIGLIORI PRODOTTI DA INCLUDERE NELLE CESTE NATALIZIE

I generale i prodotti che meglio si prestano per essere inclusi in un cesto natalizio sono i dolci, per esempio il rinomato cioccolato di Modica aromatizzato in diversi gusti e lavorato ancora secondo la tradizione azteca, il torrone artigianale magari nella particolare variante al pistacchio e agli agrumi. E ancora, condimenti speciali e difficilmente reperibili sul mercato, come il pesto di pistacchi o di finocchietto selvatico. Un altro criterio di scelta può essere quello di includere materie prime speciali, magari con IGP – Indicazione Geografica Protetta – o classificate come Presidio Slow Food, come il pomodoro ciliegino Pachino IGP o la cipolla di Giarratana.
Il biologico è un altro parametro importante, soprattutto sull’onda della nuova cultura alimentare che oggi in tutto il mondo ribadisce la necessità di “pulire la nostra spesa” da sostanze chimiche nocive per l’organismo. In questo senso, è sempre utile far attenzione alle etichette e agli ingredienti. Verificate la presenza della certificazione biologica, quando si tratta di prodotti Bio e in generale è bene preferire quelli senza coloranti o conservanti.
Tra i prodotti più apprezzati per i cesti natalizi, non dimentichiamo il vino, rosso o bianco, possibilmente prodotto da vigneti autoctoni del territorio, ma anche i liquori regionali speciali, come per esempio il Moscato di Noto DOP, Denominazione di Origine Protetta.
Siamo convinti infatti che scegliere un prodotto tipico significhi compiere un viaggio vero e proprio nei territori di produzione. È come portarsi a casa un pezzo della cultura gastronomica italiana, composta da materie prime di eccellenza e metodi di lavorazione tradizionale. Una cultura unica da condividere con le persone che amiamo.

Articoli precedenti

Minestra di lenticchie e riso

Prossimo articolo

Dal cibo ai luoghi: un viaggio in Sicilia tra Pachino, Trapani e Salina