Ricetta Involtini di pesce spada al profumo di capperi di salina

Oggi vi proponiamo un secondo piatto di pesce succulento e gustoso tipico della tradizione siciliana, in particolare della zona di Catania, gli involtini di pesce spada al profumo di capperi di salina.

Gli ingredienti per la preparazione della ricetta ricordano i profumi e i sapori tipici del mediterraneo. Perfetti per un pranzo o una cena sono l’ideale soprattutto per un pasto primaverile o estivo.

Piccola curiosità : “I capperi di salina, presidio slow food, unici per compattezza e profumo sono diffusi nell’area mediterranea da tempi immemorabili: riferimenti al suo uso, sia alimentare sia medicinale, si trovano nella Bibbia, negli scritti di Ippocrate, Aristotele e Plinio il Vecchio. “

Ricetta involtini di Pesce Spada

Ingredienti :
* 800 gr di pesce spada in fettine sottili
* 50 gr capperi di Salina
* 1 cipolla
* 400 gr di pomodorini di pachino
* 200 gr di pangrattato
* 100 gr di pecorino siciliano
* 1 spicchio di aglio
* 50 gr di prezzemolo tritato
* 30 gr di uvetta
* 1/2 bicchiere di vino bianco
* 2 cucchiai di pinoli spellati
* 1 tazzina di olio evo;
* sale e pepe q.b.

In una padella con poco olio fate appassire la cipolla, aggiungete poi 200 g di pesce spada tagliato finemente, sfumate con il vino bianco e aggiungete i capperi di salina, noi in questa ricetta abbiamo utilizzato i capperi di Salina BIO dell’Azienda Agroalimentare Salvatore D’amico, unite poi il pomodorino di pachino tagliato in piccoli pezzi, i pinoli, l’uva passa precedentemente ammollata in acqua tiepida, il pecorino, il prezzemolo tritato, il pepe nero e infine il pangrattato. Amalgamate bene il tutto e fate insaporire per qualche minuto.

Nel frattempo spianate le altre fettine di pesce spada con il batticarne in modo da raggiungere uno spessore di circa 5 mm, adagiate al centro di ogni fettina un po’ del composto appena preparato ed arrotolatela poi su se stessa facendo in modo di chiudere bene le estremità per evitare che il ripieno fuoriesca. Con uno spiedino infilzate gli involtini ottenuti. Passateli nel panegrattato in modo che ne vengano ben ricoperti, adagiateli su una pirofila leggermente oleata, bagnateli con un filo d’olio e fateli cuocere nel forno a 180° per circa 20 minuti. A cottura ultimata quando sono ben dorati, serviteli ben caldi con una spolverata di prezzemolo tritato fresco.

Abbinamento : A questo secondo piatto vi suggeriamo di abbinare Leone Tasca D’Almerita, un vino bianco piacevole intenso e aromatico.

Articoli precedenti

La pasta Vallolmo

Prossimo articolo

Ricetta pasta Carbonara